Piazza del Popolo Ascoli Piceno

Vuoi scoprire la bellezza di Ascoli Piceno? Allora non puoi che visitare la sua iconica Piazza del Popolo! Scopri con noi: cosa vedere a Piazza del Popolo, la sua storia e peculiarità! 

Piazza del Popolo Ascoli Piceno è una piazza in stile rinascimentale che deve il suo nome all’edificio storico principale: il Palazzo dei Capitani del Popolo. 

Ad Ascoli Piceno Piazza del Popolo non è solo una delle principali attrazioni e sede degli edifici storici della città, ma è anche luogo di ritrovo per i suoi abitanti. 

Secondo quanto sottolineato da parte dello storico Antonio Rodilossi: questa è tra le piazze più armoniose dell’Italia, l’isola pedale e il cuore del centro storico. 

Centro della città e salotto cittadino da sempre, tra le principali piazze di Ascoli Piceno, questo è il luogo simbolico per eccellenza della città e non si può perdere assolutamente un giro tra le sue bellezze iconiche e tra i monumenti simbolo che la popolano. 

Storia di Piazza del Popolo di Ascoli Piceno 

La storia di Piazza del Popolo di Ascoli Piceno vede le origini poco chiare, in quanto non si sa se questa venne istituita in quanto punto d’intersezione dei due assi principali della città romana. 

Tuttavia la presenza di una pavimentazione in opus spicatum che si vede dall’area archeologica fa presupporre che ci fosse già in tempi antichi un’area mercantile presente ove oggi sorge la piazza. 

I documenti medievali sono quelli che portano alla luce la prima conformazione della piazza medievale che doveva essere caratterizzata da uno spazio più ridotto rispetto a come appare oggi delimitata dalle case, delle torri, provviste nei piani terra di spazi commerciali. 

Contestualmente quest’area viene ad assumere un’importanza sempre maggiore data la presenza del palazzo dei Capitani e poi della Chiesa di San Francesco ponendosi in contrapposizione con l’area di Piazza Arringo. 

A partire dalla metà del trecento si ebbe un’espansione verso il Nord dal lato dell’erigenda Chiesa di San Francesco determinata dalla progressiva demolizione delle case che occupano quel lato, con un’espansione che sarebbe proseguita anche il secolo successivo. Lo spazio viene pertanto poi a conformarsi in una forma rettangolare rispetto all’originale forma quadrata. 

Durante la seconda metà del ‘400 ormai del tutto liberata dalle case del medioevo la piazza venne pavimentata con le famose lastre di Travertino. 

La piazza assunse la configurazione architettonica attuale nei primi anni del XVI secolo quando il governatore Raniero de’ Ranieri si occupò della sistemazione, finanziandola con la spesa pubblica nel 1509. 

Questi dispose la costruzione di portici con volte a mattoni rossicci e le colonne realizzate in travertino su 3 lati della piazza costruite per riuscire a sanare la situazione urbana di molte botteghe, depositi e casette difformi medioevali che si prospettavano lungo il perimetro. 

La Piazza del Popolo di Ascoli Piceno, conosciuta anche come il “salotto d’Italia”, si presenta in modo armonioso e uniforme grazie ai lavori di ristrutturazione intrapresi all’inizio del 1500 da maestranze lombarde per volere del governatore Raniero de’ Ranieri. Per coprire i negozi medievali che fiancheggiavano la piazza, fu costruito un colonnato in travertino con archi in mattoni. I lavori durarono due anni (1507-09) e furono finanziati sia dal settore pubblico che da quello privato.

I costruttori delle botteghe erano vincolati da regole molto precise nell’innalzare le loro strutture: potevano costruire solo un piano utilizzando gli stessi materiali (travertino e mattoni), mantenendo la stessa altezza delle altre strutture; e potevano installare solo lo stesso stile di finestre. Queste misure di sicurezza non erano sufficienti a produrre un “ordine rinascimentale” perché le proporzioni degli archi erano influenzate negativamente dalle dimensioni dei lotti precedenti. Le merlature ghibelline furono aggiunte successivamente.

Prima della fortunata ricostruzione rinascimentale, la piazza era anche il luogo di lavoro degli scalpellini che tagliavano i blocchi di travertino per creare i mattoni della chiesa di San Francesco. Il termine medievale “Piazza delle scaje” deriva dagli scarti. Era anche conosciuta come “Platea superior” per distinguerla dall’attuale Piazza Ventidio Basso, detta “inferiore”.

Cosa vedere a Piazza del Popolo ad Ascoli Piceno 

Oggi le foto di Piazza del Popolo di Ascoli Piceno dimostrano la storia della cittadina e delle sue costruzioni. 

Ma cosa vedere oggi a Piazza del Popolo? Semplice, lo spazio è circoscritto da una facciata possente del Palazzo dei Capitani del Popolo che ha dato il nome alla piazza. 

Non si può perdere assolutamente poi una visita alla Chiesa di San Francesco realizzata in forme gentili e leggere. Molto interessante il Caffè Meletti: che è uno dei cafè storici della città e dove bisogna assolutamente sorseggiare un caffè mentre ci si rilassa guardando la bellezza della piazza. 

Da non perdere il perimetro incorniciato dal loggiato con ben 59 archi e palazzetti rinascimentali che sono movimentati da merlature e portici. Infine, la meravigliosa pavimentazione della piazza composta da lastre di travertino in caso di pioggia assume un effetto a specchio molto suggestivo. 

Il Comune di Ascoli Piceno occupa attualmente il Palazzo dei Capitani del Popolo, un altro luogo che dovrete sicuramente visitare nella vostra vacanza ad Ascoli Piceno, la sua creazione (tra il XIII e il XIV secolo) simboleggiava il potere e il governo della città. È possibile ammirarlo dall’esterno o visitarne le aree principali, come il cortile rinascimentale, la Sala della Ragione, la Sala degli Stemmi e infine i resti archeologici rinvenuti durante i recenti restauri.

In definitiva, se vuoi conoscere il cuore di Ascoli Piceno non puoi assolutamente perderti una visita a Piazza del Popolo e scoprire la bellezza e la storia di questa meravigliosa cittadina, con il suo caratteristico travertino e i palazzi che si affacciano sulla piazza insieme alla chiesa di San Francesco dalle linee gotiche. 

Piazza del Popolo di Ascoli Piceno, film, media e tv

Scoprire l’essenza di queste attrazioni uniche ci permette anche di conoscere e scoprire quando queste sono apparse in tv, film o in eventi importanti che hanno caratterizzato la vita sociale del paese.

Una bellezza unica come piazza del popolo ha sicuramente visto negli anni diverse esposizioni mediatiche che gli hanno permesso di diventare famosa in tutta Italia e meta dei turisti che visitano Ascoli Piceno.

La Piazza del Popolo di Ascoli Piceno è stata a lungo utilizzata per spettacoli dal vivo e altre iniziative artistiche grazie al suo status di “salotto”. Il Carnevale, la Quintana e altre celebrazioni cittadine sono tra i tanti spettacoli dal vivo di portata nazionale che si sono svolti qui.

Il Festivalbar, le Notti dei Duelli e della Magia e fiction RAI famosissima Che Dio ci aiuti sono tra le trasmissioni che ci han permesso di godere delle bellezze della piazza direttamente sul televisore di casa nostra.

Oltre ai film Alfredo Alfredo (1972), di Pietro Germi, con Dustin Hoffman e Stefania Sandrelli, e I delfini (1960), di Francesco Maselli, con Tomas Milian e Claudia Cardinale, sono stati girati qui molti spot pubblicitari.

Non c’è dubbio che piazze pittoresche come Piazza del Popolo siano spesso protagoniste di eventi filatelici, in particolare quelli riguardanti le piazze italiane, un incoronamento avvenuto insieme ad altre piazze Italiane nel 1987 molto più grosse e famose, un riconoscimento unico per una meraviglia di pizza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.